Mondi paralleli


C’è una corrente di pensiero attuale, per esempio Dubois, che pensa la fotografia come la rappresentazione di un mondo possibile e non come l’essere stato di un fatto reale. In questo senso la fotografia mostrerebbe non ciò che è stato ma ciò che è in un mondo parallelo, a-referenziale, plausibile, dotato di una propria logica e di una propria coerenza, ma non direttamente emanato dalla realtà fisica. L’immagine fotografica in questo senso non apparterrebbe all’universo della referenza ma piuttosto a quello della fiction. Chi si ferma su questa ipotesi non s’accorge chiaramente che la fotografia per il semplice fatto di essere chiamata in questo mondo, e di non essere dunque altra cosa, contiene in sé un legame referenziale, il che per altro non impedisce affatto che vi siano fotografie capaci di manifestare questa intenzione funzionale, solo che essa non cancella affatto il valore di traccia dell’immagine fotografica, quanto piuttosto la arricchisce di un contenuto aggiuntivo. Perché effettivamente è così, la fotografia tra le tante cose che sa fare, sa costruire mondi paralleli, ove “parallelo” significa che sta in un legame d’appartenenza con questo mondo, non è propriamente un altro mondo, ma questo in una sua versione; cioè la fotografia costruisce anche mondi possibili, dentro il mondo reale, nel momento in cui cogliendo una traccia del mondo isolata dal resto, strappata dal legame che la rende vera, la propone come forma o come espressione inaspettata e impensata. Il mondo parallelo che la fotografia può costruire è sempre un mondo che si apre come evento di ciò che ancora non è stato pensato, emergenza di un invisibile, apparizione di una possibilità. In quanto rappresentazione, e dunque frutto del lavoro intenzionale di un agente, essa rappresenta uno squarcio nella realtà che può prefigurare una variante di esso, cioè appunto una possibilità. 

Trasparenza


Osserviamo una fotografia: attraverso di essa  noi vediamo il mondo come lo si può vedere attraverso un vetro. Si frappone ma non si oppone. Per la natura di traccia che possiede, la fotografia non può non avere una certa trasparenza, non assoluta, ovviamente, una percentuale variabile a seconda della intenzionalità del fotografo. Eppure guardando una fotografia non possiamo non avere la sensazione di guardare il mondo stesso, o almeno un’ombra del mondo, un fantasma del mondo. Mentre il dipinto non è mai trasparente, in alcun modo, in alcuna misura, nemmeno il più realistico, esso si oppone come superficie non penetrabile al nostro sguardo. Ciò ovviamente non significa che la fotografia non conservi  la propria  soggettività di intenzione, il punto di vista e il lavoro del fotografo stesso, ma all’origine c’è sempre il processo causale che ha origine da una oggetto del mondo. Anche la foto più elaborata e più “artistica” conserva una sua certa capacità di trasparenza, senza la quale non sarebbe più una foto. 

Il digitale e la natura della fotografia


La grande riflessione teorica intorno alla fotografia si sviluppa negli anni ‘70/’80, a partire dai testi di Susan Sontag (1977) e di Roland Barthes (1980), e poi a quelli di Denis Roche, Jean-Marie Scheffer, Rosalind Krauss e altri. In questo contesto nasce il concetto del “fotografico”, che si intreccia con le riflessioni sul “visuale”.
Gli anni 2000 invece sono quelli della “svolta digitale” (digital turn), la quale appiattisce le differenze tra la fotografia e le altre forme d’immagine e quindi contribuisce a spostare l’attenzione dalle questioni ontologiche dell’immagine fotografica a quelle relative ai diversi usi della fotografia.
Il cambiamento è radicale: dal principio della traccia, dell’impronta, dell’”è stato”, dell’indice, al digitale che sembra tagliare proprio questo legame viscerale dell’immagine col mondo. Così la fotografia “emanazione del reale” (Barthes) o “transfert di realtà” (Bazin), sembra essere definitivamente superata dal digitale onnipotente, Dio o Diavolo.
Tuttavia proprio ciò che negli anni ‘80/’90 sembrava un superamento definitivo, oggi non appare più tale. Certo l’arrivo del digitale ha costretto a relativizzare il principio ontologico dominante e al contempo ha portato ad enfatizzare la natura di rappresentazione della fotografia, come se questa potesse scalzare e annullare la prima. In realtà è nella profondità della fotografia questa sua natura ibrida, cioè di essere al contempo una captazione del reale e una rappresentazione dello stesso. Il digitale ha soltanto spostato l’asse di equilibrio tra le due facce dello stesso oggetto, non ne ha modificato affatto la natura.
Che il digitale non modifichi in profondità la natura del fotografico è testimoniato anche da una facile similitudine che è possibile fare con altre forme di registrazione digitale, per esempio quella della musica o della voce: il fatto che una traccia fisica si traduca in un segnale virtuale non modifica l’effetto di attestazione, riconosco infatti la voce registrata di qualcuno anche se tra la materialità dell’emissione e la virtualità della registrazione non vi è alcuna somiglianza. Il potere di attestazione non viene scalfito al variare dei sistemi di registrazione, digitale o analogico non sono da questo punto di vista così diversi. Ciò rende le riflessioni inaugurali intorno alla fotografia ancora attuali e niente affatto superate.

L’oscillazione nello spazio-tempo


Cosa manca nella visione dell’oggetto che si realizza con la fotografia? Manca propriamente la dimensione spazio temporale. Perché quell’oggetto non risponde alle categorie della distanza, della posizione, della misura che esigono la presenza di un corpo senziente. Nessuna fotografia può dire con esattezza è qui, è lì, dista tot, misura tot ecc.
L’oggetto in fotografia è sottratto a questa rete di rapporti, mentre non vi è sottratta la fotografia come oggetto. Quest’ultima infatti è qui o là, è a portata di mano o a una certa distanza, insomma appartiene a quell’intrico di rapporti che costituisce lo spazio tempo nel quale noi viviamo quotidianamente mentre l’oggetto in foto no, esso non è né lì dove appare, né qui dove è rappresentato, semplicemente non entra in alcun modo nel mondo delle mie possibilità, cioè appunto non è nello spazio-tempo presente.
Ma c’è stato osserverebbe Barthes: è vero dalla foto possiamo dedurre un’esistenza passata, noi sappiamo che vi è stato uno spazio-tempo in cui quell’oggetto pesava e misurava e distava da un corpo senziente, che è quello del fotografo. E sappiamo che ora appartiene a un altro spazio-tempo presente che è quello dell’oggetto fotografia.
Ecco allora che comincia  delinearsi la particolare torsione dello spazio-tempo determinata dalla fotografia: l’oscillazione. L’oggetto in fotografia oscilla continuamente fra diverse dimensioni dello spazio-tempo, quella del passato, quella del presente, senza potersi fermare, una specie di moto oscillatorio perpetuo.

La quarta rivoluzione


Non abbiamo notizie precisissime ma sappiamo comunque quanto è stata decisiva per lo sviluppo dell’umanità, della sua storia, della sua cultura, del suo rapporto con il mondo, la prima rivoluzione, quella del segno, la rappresentazione dentro le grotte e poi sugli oggetti, una pratica che ha accompagnato l’uomo primitivo per millenni. Molto più recente ma altrettanto straordinaria la seconda rivoluzione, quella che ha portato allo sviluppo della scrittura. E poi, ancora, abbiamo presenti le conseguenze incalcolabili di quell’altra rivoluzione che si è realizzata fra ‘4 e ‘500, quella che ha segnato la nascita dell’uomo tipografico, ovvero la rivoluzione della stampa. Ma c’è una quarta rivoluzione, in perfetta continuità con le precedenti,  rispetto alla quale la nostra consapevolezza è forse meno lucida e meno universalmente condivisa, è la rivoluzione della fotografia. Siamo tutti propensi a enfatizzare la rivoluzione informatica come chiave per comprendere la modernità, ma non riflettiamo a sufficienza sul fatto che quello informatico è un mezzo che utilizza in modo nuovo tutti i vecchi metodi rappresentativi, dal segno, alla grafica, alla scrittura all’immagine. In questo modo ci sfugge probabilmente l’altra decisiva rivoluzione, con la quale ci confrontiamo invece quotidianamente, appunto la rivoluzione della fotografia. Questa forse, è ancora da pensare, da pensare in profondità per quel che essa contiene di devastante e di creativo, per quel che determina nel nostro modo di vivere il mondo, e di creare cultura cioè di essere umani.